Sono un gabbiano che non appartiene a nessun paese.Nessuna spiaggia è la mia patria.Non mi affeziono a nessun luogo,volo di onda in onda....Elisabeth
dedicato interamente a Elisabetta, Amalia, Eugenia Wittelsbach, imperatrice d'Austria, regina di Ungheria e di Boemia, detta semplicemente Sissi e agli eventi e i personaggi del suo mondo.

dedicato interamente a Elisabetta, Amalia, Eugenia Wittelsbach, imperatrice d'Austria, regina di Un

dedicato interamente a Elisabetta, Amalia, Eugenia Wittelsbach, imperatrice d'Austria, regina di Un
BENVENUTI NEL BLOG DI SISSI IMPERATRICE!

domenica 8 gennaio 2017

Erzsi,la nipote piu' bella

Elisabetta nacque al Castello di Laxenburg il 2 settembre 1883 da Rodolfo e dalla Principessa Stefania, figlia di Leopoldo II del Belgio.

CASTELLO DI LAXNBURG
Unica figlia del suo (defunto) figlio, Erzsi, diminutivo dall'ungherese Erzebet, era la nipote preferita di suo nonno paterno, l'Imperatore Francesco Giuseppe d'Austria. Nel 1889, quando Erzsi aveva poco più di cinque anni, suo padre e la sua amante la baronessa Maria Vetsera furono trovati morti in quello che si presume sia un patto di omicidio-suicidio nel casino di caccia imperiale di Mayerling.



L'imperatore stesso assunse la sua tutela di Erzi,dopo la morte di Rodolfo e le proibi'di lasciare l'Austria con sua madre. Erzi visse a corte insieme ai nonni fino a quando non si sposo',all'eta' di 18 anni e subi' la loro influenza riguardo il pensiero che essi avevano su sua madre ed ella stessa si identificò sempre con il padre morto che non nella madre.          
                                                       


ERZI BAMBINA
 Stefania non si curò mai molto della figlia. Ella stessa era stata affidata dalla più tenera età alle governanti e non sapeva in che altro modo porsi nei confronti della bambina. Rodolfo, al contrario, fu un padre tenerissimo e dolcissimo. Madre e figlia non riuscirono mai a legare del tutto e i loro rapporti furono sempre tesi. Probabilmente tali contrasti furono dovuti anche ai caratteri profondamente diversi: nonostante avesse perso il padre all'età di cinque anni, Elisabetta somigliava moltissimo a Rodolfo.



                                   
                          ERZI CON LA MADRE
                      La corte reale belga considerò Elisabetta come possibile sposa per il Principe Alberto,ma re Leopoldo non fu d'accordo a causa di recenti problemi con sua madre Stefania.In quel periodo, Elisabetta incontrò il Principe Otto zu Windisch-Graetz (1873–1952) ad un ballo di corte. Di dieci anni maggiore di lei, egli era di gran lunga al di sotto del suo rango. Ciononostante si rivolse al nonno
Francesco Giuseppe perché le desse il permesso di sposarlo; egli acconsentì.









In modo di evitare future contese di successione, l'Imperatore obbligò Elisabetta a rinunciare ai suoi diritti dinastici, sebbene le permise di mantenere i suoi titoli personali e le fornì una generosa dote. Infatti gli Asburgo non consideravano la casata di Otto come loro pari e per questo era necessario che il matrimonio fosse morganatico. La coppia si sposò alla Hofburg il 23 gennaio 1902.


Elisabetta ed Otto ebbero quattro figli: Franz Joseph (1904–1981); Ernst (1905–1952); Rudolf (1907–1939); Stephanie (1909–2005), unica figlia femmina della coppia








            Sia Erzsi che Otto erano aperti nell'avere relazioni extraconiugali reciproche ed è particolarmente nota la liason di Elisabetta con Egon Lerch, un capitano di sommergibile austriaco durante la I Guerra Mondiale.

Fu solo dopo la morte di Francesco Giuseppe nel 1916 e la fine della monarchia nel 1918, che la coppia si separò ufficialmente. Nel 1921 Elisabetta aderì al Partito Socialdemocratico e conobbe Leopold Petznek di Bruck an der Leitha, allora presidente della Corte dei Conti, in uno degli incontri elettorali.



Il procedimento giudiziario per la separazione da Otto si trascinò a lungo e solo nel marzo 1924 Elisabetta fu in grado di ottenere una separazione ufficiale. Ne seguì una clamorosa battaglia per la custodia dei loro quattro figli. In origine il tribunale assegnò ad Elisabetta la custodia dei due figli maschi maggiori, mentre il maschio più piccolo e la figlia andarono a vivere con Otto. All'inizio del 1948 Elisabetta divorziò ufficialmente dal principe Otto e il 4 maggio 1948 sposò Leopold Petznek (1881-1956), con cui aveva vissuto per molti anni. Egli, che aveva trascorso un periodo di tempo imprigionato dai nazisti, diventò presidente del Landtag della Bassa Austria dopo la guerra. Elisabetta divenne nota come l'Arciduchessa rossa per la sua associazione al partito socialista.

      ERZI COL SECONDO MARITO

LA COPPIA ORMAI ANZIANA
Gli ultimi anni della vita di Erzsi sono alquanto malinconici. Il figlio Rodolfo, che si era avvicinnato ai nazisti per via della sua passione per i motori, muore nel 1939 in un incidente di moto. Nel 1944 Leopold Petznek viene arrestato e incarcerato nel campo di Dachau per 7 mesi. Finita la guerra, la Villa della Erzsi viene requisista dai francesi, e alla coppia viene data una bicocca malandatta dove vive fino al 1955.Nel 56 muore anche Leopold,nel 52 era morto anche il figlio Ernest.
Erzsi è ormai quasi ottantenne ,sempre ammalata, depressa e triste. Non si alza quasi più. Vive volutamente sola. La sua unica compagnia sono suoi pastori tedeschi che partecipano a gare internazionali e vincono molte volte.
 Elisabetta morì a Vienna il 16 marzo 1963 circa sei mesi prima del suo ottantesimo compleanno. Secondo i suoi desideri, viene sepolta in una tomba senza nome al cimitero di Hütteldorfer a Vienna, vicino alla casa dove aveva trascorso i suoi ultimi anni con i suoi enormi cani.